Contro l’amianto dei padroni

Quando diciamo che il capitalismo uccide non stiamo usando una metafora.
Il capitalismo uccide con lo sfruttamento di lavoratori e delle risorse e lo fa non solo nel sud del mondo o nelle periferie delle metropoli.
Il capitalismo uccide proprio qua a monfalcone vulnerabile angolo del sempre meno ricco nord est.
900 operai (ma se calcoliamo anche i morti per carcinoma polmonare i morti salgono approssimativamente fin oltre le 2 migliaia) ma anche loro familiari falciati finora dal mesotelioma e dall’asbestosi (ma la lunga incubazione di queste terribili malattie ci fa aggiungere settimana dopo settimana vittime alle vittime).
Sono nostri familiari e amici che non dimentichiamo.
Noi non perdoniamo e non ci interessa, a risarcimento di un olocausto che dura e durerà ancora, solo quella condanna dello stato che però è il minimo che possiamo pretendere.
La nostra denuncia e la nostra lotta non si ferma.
No all’amianto! No ai padroni!
Per un mondo di liber* e ugual*!

 

Rassegna stampa da Il Piccolo del 23 gennaio 2012

 

 Amianto, parte il terzo proc esso che riguarda 41 decessi

Amianto, strage ignorata nell’Isontino

L’incubo-Monfalcone: 900 morti di tumore negli ultimi trent’anni

I LIBRI

 

20  gennaio

Guariniello: amianto, disastro ambientale

 

This entry was posted in amianto, il territorio. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *