SALUTO/PRESIDIO VENERDÌ 11

Anche a Gorizia viviamo giornate roventi: militarizzazione della città con pattuglie ovunque, annunci di installazioni di nuove telecamere, annunci di ronde di solerti cittadini pagate con i fondi regionali, ronde fai-da-te di camicie verdi e rsi-fn per cacciare i migranti dai parchi e da piazza vittoria…poi per fortuna se la sbirraglia e il fascistume locali sono iperattivi anche gli anarchici e gli antifascisti sono scatenati e cercano di sabotarne i progetti repressivi e razzisti..poi 130 migranti, cacciati da un parco, ne occupano un altro e così via…quasi come TAZ spontanee e quotidiane. Il clima è rovente, la tensione sale, è uno di quei momenti in cui chi si oppone al razzismo, al fascismo strisciante, alle logiche perverse e pervasive del dominio e della repressione è bene che si dia da fare, ciascun* come può e come sa, secondo la propria tensione individuale o all’interno di un percorso collettivo. Anche a Gorizia e Monfalcone, come possiamo, cerchiamo con fatica di farlo. Come sapete, domenica scorsa è stato arrestato a Gorizia un compagno anarchico di Torino, lo stiamo sostenendo come possiamo, senza lamentele, vittimismo o assistenzialismo ma con molta determinazione (solo per fargli avere un banale paio di scarpe stamattina ho dovuto litigare con due guardie e un funzionario), comunicando con lui tramite l’avvocato e mantenendo i contatti con i suoi compagni e compagne. Non sappiamo quanto si protrarrà la permanenza nella Casa circondariale di Gorizia, forse giorni o forse mesi, ma si sta lavorando sul piano procedurale per fargli ottenere i domiciliari a Torino. Detto questo, dopo aver raccolto i suoi desideri e sentiti i/le compagn*, come assemblea permanente contro il carcere e la repressione e coordinamento libertario isontino, abbiamo pensato di organizzare un

SALUTO/PRESIDIO

VENERDÌ 11 AGOSTO DALLE 18.00 alle 20.30-21.00

in via Barzellini DI FRONTE AL CARCERE.

Saluteremo Greg e gli dimostreremo vicinanza e solidarietà, saluteremo i detenuti costretti in celle bollenti in prossimità del ferragosto che è già abbastanza alienante per tutt*, esprimeremo solidarietà a tutt* i/le compagn* prigionier* in Italia (pensiamo anche agli arresti di ieri a Firenze e di questa mattina), in Europa (pensiamo ai compagni ancora reclusi ad Amburgo) e nel mondo, contro il carcere e la società che lo crea e lo stato che ci lucra.

Evento facebook


da Macerie

Greg in arresto

Nelle carte dell’operazione repressiva del 3 maggio, oltre ai nomi di Cam, Antonio, Fran, Antonio, Fabiola e Giada, c’era anche quello di Greg. Per mesi non è stato trovato, fino a oggi in cui è stato fermato dai carabinieri a Gorizia per un controllo stradale e portato poi in caserma per l’arresto.

Per qualche giorno sarà rinchiuso nel carcere friulano e poi molto probabilmente sarà trasferito alle Vallette.

Intanto è possibile mandargli qualche telegramma di incoraggiamento perché è il metodo più veloce in vista della possibile traduzione in un altro carcere.

Gregoire Yves Robert Poupin

Casa Circondariale

via G. Barzellini n. 8 34170 GORIZIA


su Osservatorio Repressione

su Il Piccolo del 10 agosto 2017

Questa voce è stata pubblicata in carcere, repressione, solidarietà. Contrassegna il permalink.